Franco Prevato

 
MOTONAVE "MONTE GARGANO"
MOTONAVE "MONTE GARGANO"

Anno di Costruzione = 1931

Nominativo Internazionale = IBZW

Società di provenienza = Puglia

Compartimento = Bari

Matricola = 56

Unità Gemelle = Adriatico, Barletta, Brindisi, Brioni, Lero, Zara


Lunghezza tra le perpendicolari = 78.50 m

Larghezza fuori ossatura = 12.20 m

Altezza dalla linea di costruzione = 5.20 m

Macchine = 2 motori FIAT da 3.300 hp

Eliche = 2

Consumo = 11.5 tonnellate al giorno

Velocità massima = 14.5 nodi

Tonnellate stazza lorda = 1976.28

Tonnellate stazza netta = 1073.73

Portata lorda = 1.231 ton

Stive = 4 X 1864 mc

Numero massimo passeggeri in cabina = 72


Impiegata sulla linea n° = 42 Venezia - Dalmazia - Albania


All'inizio dell'anno 1939, la motonave MONTE GARGANO fu inserita nella linea 44 nel collegamento Bari - Durazzo e nella linea 44 bis, Bari SANTIQUARANTA.

Dal 29 agosto al 5 novembre dello stesso anno fu requisita da Ministero della Marina.

Dal 7 novembre, dopo essere stata riconsegnata alla Società Armatrice, la nave fu impiegata in viaggi straordinari tra Bari, Brindisi, Valona, Durazzo e Venezia.

Dal 30 novembre 1939 al 7 maggio 1940 fu nuovamente impiegata nella linea n° 42.

Il giorno successivo fu definitivamente requisita dal Ministero della Marina ed iscritta nei ruoli del Naviglio Ausiliario dello Stato.

Il 22 agosto 1940, mentre stava dirigendo su TOBRUCH, la MONTE GARGANO fu colpita da un lancio di siluri ed in pochissimi istanti affondò.

Non si ebbero notizie dei superstiti, la cosa quasi certa è che appesa in timoneria o in sala nautica, del ponte di comando, l'effigie di San Nicola ha vegliato su di loro per quanto abbia potuto!.

Così, come del resto, ha sempre vegliato e continua a vegliare su tutti gli equipaggi e le navi immatricolate nei porti Adriatici .

San Nicola di Bari

(n.d.a.) «Nel mondo marinaresco, la devozione, la nostalgia, la preoccupazione per chi si lascia a casa ed un pizzico di superstizione, in Italia come in ogni angolo di mare, hanno fatto si che le Immagini Sacre, commiste a qualche amuleto, abbiano sempre accompagnato la Gente di Mare. E se in Adriatico la devozione è rivolta a San Nicola, in Tirreno si prega San Francesco da Paola».

giornale nautico parte prima © ® by prevato
WebMaster