Franco Prevato

 
Motonave "BARLETTA"
Motonave "BARLETTA"

Anno di costruzione = 1931

Nominativo Internazionale = IBEE

SocietÓ di provenienza = Puglia

Compartimento = Bari Matricola = 57

UnitÓ Gemelle = Adriatico, Brindisi, Brioni, Lero, Monte Gargano, Zara

Nome in codice = Berlina

 

Lunghezza tra le perpendicolari = 78.50 m

Larghezza fuori ossatura =12.20 m.

Altezza dalla linea di costruzione =5.20 m

Macchine = 2 Motori FIAT per 3.300 hp

Eliche = 2

Consumo = 11.5 tonnellate al giorno

VelocitÓ massima = 14.5 nodi

Tonnellate stazza lorda = 1974.69

Tonnellate stazza betta = 1.069.02

Portata lorda =1.231

Stive = 4 X 1.722 mc

Numero massimo passeggeri in cabina = 82

 

Impiegata sulla linea n░ = 42: Adriatico - Dalmazia - Albania

Costruita nel 1931, dopo pochi anni fu dotata di armi ed impiegata nella guerra di Spagna.

 

La M/N BARLETTA in effetti, svolse viaggi di linea solo fino al 7 marzo 1937.

 

Fu colpita da una bomba di aereo una prima volta il 26 maggio 1937, quando si trovava nel porto di MAJORCA e dove perirono 4 persone dell'equipaggio.

 

Nel 1938 fu impiegata nella linea n. 43 e 43 B (Italia, Dalmazia, Grecia e Turchia).

 

Nel 1939 inizi˛ una serie di noleggi e viaggi speciali per conto della R. Marina.

 

Il 12 maggio 1940 fu definitivamente requisita ed iscritta nel naviglio ausiliario come INCROCIATORE LEGGERO.

 

Nel dicembre del 1940, durante il recupero dei naufraghi del piroscafo FIRENZE, rimase danneggiata e fu costretta alle riparazioni di 9 ordinate.

 

Mentre stava uscendo dal porto di BRINDISI, nel gennaio 1941 entr˛ in collisione con il P/fo MERANO, anch'esso di proprietÓ dell'Adriatica.

 

Nel dicembre del 1941 rimase incagliata nel canale a ovest dell'isola di EUBEA, nel golfo di Salonicco.

 

L'8 settembre 1943, la nave ormeggiata nel porto di BARLETTA, pass˛ sotto il controllo delle forze alleate.

 

Il 2 dicembre 1943 si trovava a BARI, quando verso le 19.30 il porto fu bombardato da aerei tedeschi.

La Barletta fu colpita soprattutto sul lato mare ed in breve tempo affond˛.

 

A distanza di qualche tempo, il carpentiere di 2░ cl. ZANCHI Fioravante rese la seguente dichiarazione:

«All'inizio del bombardamento una salva di bombe cadde in prossimitÓ della nave e l'esplosione di una di queste caus˛ un incendio nella parte prodiera, in prossimitÓ del deposito munizioni che veniva seriamente interessato. Considerata la gravitÓ della situazione, con il direttore di macchina ci dirigemmo verso prua muniti di manichette antincendio e 7 estintori, allo scopo di evitare il disastro, ma tutto fu inutile. Il deposito della nave salt˛ in aria provocando l'affondamento della nave.»

In effetti, quella fu una notte apocalittica per tutta la cittÓ di Bari, furono colpite ed esplosero molte navi di un convoglio anglo americano, presenti nel porto, compresa una nave carica di IPRITE.

 

Lo specchio di mare del porto e dell'avamporto fu letteralmente invaso dalle fiamme e migliaia di persone persero la vita.

 

Molte vittime furono lamentate anche tra la popolazione civile, proprio a causa dei gas sprigionati dalla combustione dell'iprite.

 

Dell'equipaggio militarizzato della BARLETTA perirono 4 persone:

 

- 2░ Uff.Cop. VASELLI Giuseppe di Ancona

- 1░ Camer. LUKSICH Mario di Fiume

- Picc. Cam. SCARPA Viscardo di Venezia

- 2░ Cuoco TUMBURUS Bruno di Fiume

 

Altri 4 furono feriti. Mentre per l'equipaggio militare il bilancio fu ancora pi¨ drammatico: 22 deceduti, 14 dispersi e 40 feriti.

Il 21 maggio 1945 il Primo Ufficiale di Macchina ZULIANI Carlo, che stava prestando servizio presso il Genio della Marina Militare di Bari scrisse alla Direzione di Venezia:

«Mi rivolgo alla loro gentilezza, nella speranza che qualcuno possa essere a conoscenza del posto di residenza della mia famiglia, faccio questa richiesta perchÚ nonostante tutti i messaggi inviati a Trieste, non ho mai avuto risposta. Colgo l'occasione per informarvi che sono iniziati i lavori di recupero della M/N BARLETTA che risulta affondata su un fondale di 12 m. ed inclinata di 87 gradi.»

La nave fu recuperata nel settembre del 1948, nel 1949 venne ricostruita ed il 1░ ottobre entr˛ in linea da Trieste per Venezia Pireo.

 

Il 18 settembre 1962 fu definitivamente disarmata e portata a demolire.

M/N Barletta dopo il recupero e totale trasformazione
giornale nautico parte prima © ® by prevato
WebMaster